NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

logo trippuzzle

Ricette Siciliane

Polpette di sarde

Polpette di sarde

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Le polpette di sarde al sugo sono un secondo piatto tipico della cucina palermitana, pietanza che si si può gustare solitamente anche nelle vecchie taverne della città.
Ingrediente principale sono le sarde, pesce azzurro che è spesso protagonista delle ricette siciliane e che troviamo preparate in svariate maniere.
Questa pietanza ne è un esempio:facile da preparare e molto gustoso!

Ingredienti (per 4 persone)

  • 750 gr di sarde squamate ed eviscerate
  • 3 uova
  • 100 gr parmigiano
  • 100 gr pecorino
  • menta
  • pinoli ed usa passa
  • 700 gr salsa pomodoro
  • 1 cipolla

Preparazione
Tritare grossolanamente i filetti di sarde ed unirli in una terrina al parmigiano, al pecorino, alle uova, ai pinoli, all’uva passa, alle foglie di menta tritate e con il composto ottenuto formare delle polpette.
Nel frattempo far soffriggere in un tegame la cipolla finemente affettata e quando è dorata aggiungere le polpette e soffriggerle in modo da formare una leggera crosticina scura.
Unirle al sugo di pomodoro e far cuocere per circa 20 minuti. Servire tiepide.

Consigli
Aggiungere un po’ di menta tritata anche alla fine

Variante
Questa ricetta è buonissima anche fermandosi alla frittura, evitando la cottura nel sugo.

Curiosità
Anticamente i pinoli venivano usati prevalentemente per la loro funzione antibatterica.

Email

Cous Cous Dolce

Polpette di sarde

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

COUS COUS DOLCE

Ingredienti per 20 persone:
- 500 gr di semola di cous cous
- 40 gr zucchero canna
- 1 kg arance
- uvetta sultanina + rum o vino da dessert
- mandorle + zucchero per caramellare
- pinoli
- granella di pistacchio
- cioccolato fondente
- cannella
- scorza di 1 arancia
- 6 tazzine di acqua
- 6 tazzine di spremuta di arancia

Preparazione:
Seguire il procedimento dell'"incocciatura" tradizionale e fare cuocere a vapore la semola
intercalata con le fette dell’arancia.
A cottura quasi ultimata aggiungere lo zucchero, spruzzare con un po’ di acqua fredda,
lasciare riposare per 5 minuti circa ed infine rimettere sul fuoco aggiungendo l’uvetta per
altri 10 minuti.
A fine cottura aggiungere pinoli, mandorle, granella di pistacchio e cioccolato fondente
grattugiato.
Guarnire con fette di arancia e cioccolato fondente grattugiato e servire accompagnandolo
con una crema allo zibibbo, al cioccolato, al pistacchio, all’arancia….

Procedimento più veloce:
Bagnare la semola di cous cous precotto con il succo di arancia e con l’acqua tiepida dove
abbiamo sciolto zucchero e cannella.
Mettere l’uvetta ammollo nel rum (o vino da dessert).
Fare caramellare le mandorle in un padellino con un pò di zucchero aggiungendo un pò di acqua
fredda q.b. e fare raffreddare.
Infine aggiungere alla semola uvetta, mandorle, scorza di 1 arancia grattugiata, granella di
pistacchio, pinoli e cioccolato fondente a pezzetti

 CLICCA QUI PER SCARICARE LA RICETTA

Email

Caponata

La Caponata

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

La caponata di melanzane è una delle ricette siciliane più conosciute!
E’ un piatto tipicamente estivo ma, visto che ormai è possibile trovare le melanzane in qualsiasi periodo dell’anno, è possibile gustarla sempre.

Le origini della caponata non sono certe ma era un piatto diffuso già nel 1700.
Alcuni pensano che il nome derivi dal termine latino "cauponae", in quanto servito nelle taverne romane, altri da "capon", biscotto dei marinai spagnoli.
Però sembra proprio che invece derivi da “capone”, pesce azzurro dalla carne pregiata conosciuto anche come lampuga, servito nelle tavole dei ricchi e che venne sostituito dal popolo, che non poteva permetterselo, con le più economiche melanzane.

In Sicilia la caponata esiste in molte varianti che prevedono l'uso del peperone, della patata o delle zucchine, ma noi riportiamo la ricetta tradizionale.


Ingredienti per 8 persone

6 melanzane grandi (circa 1 kg)
5 coste di sedano
300 gr di olive bianche
400 ml passata di pomodoro
3 cucchiai di capperi sotto sale
1 cipolla grande
6 cucchiai di aceto bianco
3 cucchiai di zucchero
olio di arachidi q.b.

Procedimento

Tagliare a tocchi grandi le melanzane, metterle in uno scolapasta coperto cosparse con un po’ di sale e lasciarle sgocciolare per un paio d’ore circa per togliere l'amaro.
Scuoterle per eliminare il sale in eccesso, friggerle in abbondante olio caldo e poi tenerle da parte.

Fare soffriggere leggermente in una casseruola la cipolla a fette sottili e poi aggiungere le olive ed il sedano tagliati a pezzetti, i capperi risciacquati dal sale e la passata di pomodoro.
Cuocere per 10 minuti circa con l’aggiunta di un bicchiere di acqua calda.
Quando la salsa si sarà addensata, aggiungere l’aceto e lo zucchero e mescolare.
Assaggiare l’agrodolce quando l’aceto sarà evaporato ed aggiustarlo a proprio piacimento.

Infine aggiungere le melanzane e mescolare delicatamente per fare amalgamare il tutto.

Lasciare raffreddare e mettere in frigo. Servire fredda!


Suggerimento

Per dare un tocco di particolarità, cospargere la caponata con scaglie di mandorle, meglio se tostate, o granella di pistacchio.

Consigli

Per averla sempre pronta all’uso e poterla gustare in qualsiasi momento, è possibile conservarla in barattoli di vetro sterilizzati.

 

Email

CONTATTACI

Per qualsiasi richiesta non esitare a contattarci.

email: trippuzzle [at] trippuzzle [dot] com

Tel.: +39 091 8777808

fax: +39 091 8771824

 

 

Autorizzazione D.D.S.m.1113-S 9/TUR - Polizza RC 43560227-RC14 ERV - Copyright ©TripPuzzle snc | p.iva. 06017750826 All Rights Reserved

Tailored by dep@ict